Covid-19

Cari amici
 
Pasqua è da tempo il mio giorno preferito dell’anno. Di solito, il sabato sera, accendiamo un grande falò davanti all’ingresso del mio capanno (la nostra sede centrale!) e le persone si riuniscono intorno al prete che accende un grande cero e ci guida in una cappella poco illuminata, dove iniziamo ad accendere le nostre candele a vicenda. Ogni anno, questo potente simbolismo della luce che supera l'oscurità è motivo per me di grande commozione.

In questi giorni penso anche ad altri fuochi e non solo simbolici. Di solito, quando si arriva molto presto in una delle nostre scuole in Africa in cui siamo presenti – proprio quando l’alba comincia ad illuminare il cielo – si vedono arrivare i bambini che tengono in mano la loro tazza blu e un piccolo bastone e lo portano ai cuochi volontari mentre iniziano ad accendere i fuochi sotto i grandi recipienti utilizzati per preparare il porridge. I legnetti che i bambini portano ogni mattina servono ad alimentare il fuoco e rappresentano il loro contributo fondamentale alla preparazione quotidiana del pasto. Ma in questi giorni neanche quei fuochi vengono accesi: i cortili rimangono deserti e le scuole sono chiuse.
 
Ad ogni modo, è per me una grande gioia comunicarvi che stiamo per accendere dei nuovi fuochi: non c’è nulla che potrebbe rendermi più felice in questa Pasqua insolita del condividere con voi delle notizie davvero meravigliose! Nonostante la chiusura delle scuole, i nostri team straordinari attivi in molti paesi in cui operiamo, hanno già individuato delle nuove modalità per continuare a fornire pasti a questi bambini mentre sono a casa. In collaborazione con i ministeri, i responsabili delle comunità e i nostri incredibili volontari locali sono stati messi a punto dei modi sicuri per consegnare e cucinare il cibo nelle case dei bambini. Sono già in atto dei piani per raggiungere centinaia di migliaia di bambini in questo modo – e ogni giorno si individuano nuove soluzioni e questo numero è in rapida crescita. E quindi, nonostante tutto, si continueranno ad accendere dei fuochi per preparare il nostro porridge. E questi fuochi - più piccoli ma più numerosi - saranno ancora alimentati dai bastoncini portati dai bambini.
 
Fiamme e fuoco: questi due elementi sono più che semplici simboli nella storia di Mary's Meals. Bruciano sul serio e sono la dimostrazione del fatto che, nonostante tutte le incertezze e tutto ciò che esula dal nostro controllo che continua a cambiare di giorno in giorno, questa missione non si può spegnere. Milioni di piccoli fuochi domestici cucineranno pasti che contribuiranno a tenere a bada la fame e faranno arrivare a tante famiglie bisognose il messaggio che non ci siamo dimenticate di loro, che noi di Mary’s Meals ci impegneremo sempre, in ogni situazione, per tenere fede alla nostra promessa.
 
Forse, in questi giorni, tutti noi della famiglia di Mary’s Meals possiamo identificarci con questi bambini e i loro preziosi bastoncini. Tutti, nel nostro piccolo, offriamo il nostro contributo a questa missione: le nostre donazioni, le nostre preghiere e i nostri piccoli atti d’amore, contribuendo così ad alimentare questo fuoco che Mary’s Meals rappresenta. In questo modo ognuno di noi fa la sua parte per contribuire a rendere ancora più luminosa questa nostra missione senza che possa essere mai spenta.
 
Sono ancora un po’ triste perché, per questa Pasqua, non sarà possibile accendere il fuoco fuori dal mio ufficio ed anche perché tanti di noi in tutto il mondo non possono celebrare la Resurrezione con i propri amici e i propri cari come facciamo di solito. Ma Gesù è Risorto, indipendentemente da quanto sta accadendo.
 
E grazie alla vostra generosità migliaia e migliaia di bambini tra i più poveri del mondo potranno continuare a ricevere un pasto.
 
Sono molti i motivi per gioire in questa Pasqua! Abbiamo tanto di cui essere grati!
 
Buona Pasqua!!!!
Magnus


Lontani ma vicini! I bambini del Malawi offrono un messaggio di speranza.

 

Guarda ora